Si scalano visite e medicine E il veterinario costa meno

Per le spese sanitarie iscritte nel modello Unico 2009 i criteri e le soglie di detrazione restano invariati. Non cambia la franchigia (pari a 129,11 euro) né si modificano gli ambiti di applicazione: dalle spese per le analisi agli interventi chirurgici e alla riabilitazione, dalle prestazioni specialistiche alle protesi e ai medicinali. Per documentare questi ultimi è richiesta una fattura o uno scontrino «parlante» che indichi cioè natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati nonché il codice fiscale dell’interessato.
Sempre a 1.291,14 euro è fissata la soglia massima per le polizze assicurative infortuni, vita, invalidità e non autosufficienza. Per i disabili, le spese detraibili comprendono anche i mezzi per l’accompagnamento, la deambulazione, il trasporto e il sollevamento, nonché i sussidi tecnici e informatici per l’autosufficienza e l’integrazione; vanno invece in deduzione le spese mediche e di assistenza. Si aggiungono poi i costi d’acquisto e di riparazione dei veicoli, fino a un massimo di 18.075,99 euro. È stata prevista, infine, la detrazione al 19% per le spese veterinarie sulla parte che supera i 129,11 euro e nel limite dei 387,34 euro.