Si toglie la vita buttandosi nel vuoto

Il 2007 al San Paolo è iniziato con un dramma. Un uomo italiano di mezz'età due giorni fa si è suicidato buttandosi da un ballatoio dell'ospedale. Un evento che ha sconvolto i visitatori dei pazienti che hanno assistito alla scena alle ore 18 o hanno visto il corpo sfracellatosi a terra rimanere, coperto dai sanitari, per un paio d'ore in attesa del magistrato di turno. Il suicida, sulle cui generalità viene mantenuto il più stretto riserbo: sono trapelate soltanto l'età e la nazionalità, si è gettato nel vuoto da un piano intermedio che non sembra essere quello in cui si trova il reparto dov'era ricoverato. Il perché del tragico gesto non è ancora chiaro, come del resto molti altri aspetti della vicenda. Sul caso il magistrato vuol fare chiarezza e per aver maggior libertà di movimento, e sicurezza, non ha fatto portare il cadavere nella camera mortuaria dell'ospedale di via di Rudinì ma nell'obitorio di piazzale Gorini.