Si travestiva da medico per rubare nell’ospedale

Vestito con cura, il modo di fare sicuro e autorevole, si faceva passare per un dirigente, un medico o un visitatore di riguardo. Sceglieva di volta in volta che ruolo impersonare a seconda del reparto che aveva deciso di prendere di mira. Sì, perché la sua specialità era quella dei furti. Furti in ospedale. Quarantaquattro anni, distinto, abbronzato, bell’aspetto: ora è stato colpito da una denuncia della polizia per furto aggravato all’ospedale San Martino. Negli ultimi mesi, di colpi all'ospedale San Martino, anche con scasso di armadietti, ne sono stati segnalati uno stillicidio. Di questi, gli investigatori, con l'aiuto delle telecamere installate nei corridoi dei reparti, sono riusciti ad attribuirne almeno uno a quello che è stato ribattezzato come «l'uomo dell'ora visita», sospettato anche di altri episodi. Secondo quanto ricostruito, i filmati delle telecamere documentano la presenza costante, giorno dopo giorno, nell'ultimo mese, dell'uomo, che abbronzato e vestito in modo elegante, ora con gli occhiali da sole, ora con quelli da vista, si aggirava con estrema disinvoltura nel labirinto di corridoi dei vari reparti. Da accertamenti condotti dagli investigatori è risultato inoltre che quell'uomo distinto e dai modi garbati, che prediligeva l'orario delle visite del primo pomeriggio, senza disdegnare comunque anche quello serale, non aveva alcun parente ricoverato nell'ospedale, e visti i precedenti, è stato quasi automatico ritenere che fosse proprio lui l'autore del furto. Lo stesso avrebbe ammesso la sua colpevolezza, promettendo poi agli investigatori che non avrebbe più colpito all'ospedale San Martino.