Si ubriaca a tre anni In manette il fratello

La bambina è stata ricoverata dopo aver perso i sensi. Aveva bevuto del liquore

Mariuccia Chiantaretto

da Washington

Un ragazzino di 14 anni è in stato di arresto da lunedì a Minneapolis perché la sorellina di tre anni si è ubriacata, ha perso i sensi ed è stata ricoverata in ospedale. Il peso della bimba è di 13 kg e il suo tasso alcolico era dello 0,12%, il che significa che ha dato due lunghe sorsate a un liquore a 40 gradi.
La bimba è stata portata al pronto soccorso da una sorella più grande che, rincasando, l’ha trovata svenuta. Nella casa c’erano anche quattro adulti ubriachi. «La bambina poteva morire - ha spiegato la polizia - e non si tratta di un incidente, ma di negligenza». La madre non era presente. C’era, nel gruppo dei quattro ubriachi, la nonna di 53 anni, che è stata arrestata e poi rilasciata. La donna non era incaricata di sorvegliare la bambina, affidata invece al fratello. «La nonna - ha spiegato uno dei partecipanti alle libagioni - in un primo tempo si è lasciata arrestare per proteggere il nipote. Quando è stato accertato che non aveva nulla a che fare con l’incidente è stata mandata a casa». Mentre i quattro adulti bevevano in cucina, la piccola avrebbe preso dal mobile bar una bottiglia di liquore. Il fratello, che studiava in camera sua, non si era nemmeno reso conto che la sorellina fosse sull’orlo del coma. Giovedì sera, dopo aver smaltito la sbornia in ospedale, la piccola è stata trasferita in un istituto privato senza fini di lucro che ospita bambini in crisi.