Si vota il romanzo dell’anno di «Fahrenheit»

Si aprono le votazioni per il «Libro dell'anno» di Fahrenheit. Fahrenheit premierà il libro preferito dagli ascoltatori: venerdi 2 febbraio diretta dalla libreria Feltrinelli di Piazza Colonna con critici e vincitori. Chi volesse votare può scrivere una mail a fahre@rai.it. I trenta finalisti sono: Ala Al Aswani, Palazzo Yacoubian, Feltrinelli; Bruno Arpaia, Il passato davanti a noi, Guanda; Simona Baldanzi, Figlia di una vestaglia blu, Fazi; Silvia Ballestra, La seconda Dora, Rizzoli; John Banville, Il mare, Guanda; Remo Bassini, Lo scommettitore, Fernandel; Javier Cercas, La velocità della luce, Guanda; Gabriele Dadati, Sorvegliato dai fantasmi, Pequod; Amanda Davis, Mi chiedo quando ti mancherò, Terre di Mezzo; Gasparo De Caro, L'ascensore per il Pincio, Quodlibet; Angelo Ferracuti, Le risorse umane, Feltrinelli; Rina Frank, Ogni casa ha bisogno di un balcone, Cairo; Marco Franzoso, Tu non sai cos'è l'amor, Marsilio; Maggie Gee, Il diluvio, Edizioni Spartaco; Pietro Grossi, Pugni, Sellerio; Kazuo Ishiguro, Non lasciarmi, Einaudi; Raffaele La Capria, L'amorosa inchiesta, Mondadori; Cormac Mc Carthy, Non è un paese per vecchi, Einaudi; Michela Murgia, Il mondo deve sapere, Isbn; Irene Nemirovsky, David Golder, Adelphi; Salvatore Niffoi, La vedova scalza, Adelphi; Ottiero Ottieri, I divini mondani, Guanda: Laura Pariani, Patagonia blues, Effigie; Antonio Pascale, S'è fatta ora, minimum fax; David Peace, GB 84, Tropea: Roberto Saviano, Gomorra, Mondadori; Meir Shalev, La casa delle grandi donne, Frassinelli; Walter Siti, Troppi paradisi, Einaudi; Giordano Tedoldi, Io odio John Updike, Fazi; Hamid Ziarati, Salam, maman, Einaudi.