«Siamo i pionieri dei motori ecologici Fiorino a gas con meno di 4mila euro»

In quasi un decennio di onorata carriera, ne sono stati venduti oltre un milione di esemplari. E durante questo periodo, ha conosciuto un solo restyling degno di questo nome, nel 2005. Insomma, per Fiat Doblò era ormai tempo di un «salto» generazionale vero e proprio. E visti i risultati, è valsa la pena di aspettare un po’: quella che sarà lanciata a metà gennaio, ma che già oggi è possibile ordinare, è infatti una vettura tutta nuova, che fa dello spazio il suo principale punto di forza. Osservandola, l’intento di ingegneri e progettisti appare chiaro: rispondere al meglio alle esigenze di funzionalità e comfort di chi viaggia, per lavoro o nel tempo libero. Il tutto grazie all’impiego di una nuova piattaforma, alla maggiore abitabilità (il passo è di 2.755 mm, il più ampio del segmento), alla capienza del bagagliaio che arriva a 790 litri e alla grande modularità degli interni, con sedili ripiegabili e ribaltabili, che possono ospitare fino a sette passeggeri.
Di spazio, insomma, ce n’è in abbondanza. Ma non solo. Il Doblò si presenta infatti pesantemente rinnovato nelle caratteristiche tecniche e nei motori. Elementi, questi, che ne fanno un «best in class» anche in tema di riduzione delle emissioni di CO2, abbattute fino a un minimo di 129 g/km.
E a proposito di motori, quattro sono quelli proposti al lancio: un benzina da 95 cv e tre diesel Multijet da 90, 105 e 135 cv, ai quali si aggiungeranno più avanti un Natural Power con doppia alimentazione benzina-metano e un ulteriore diesel con il cambio robotizzato Dualogic. Quale che sia la scelta, i propulsori in questione si distinguono tutti per piacere di guida, prestazioni, silenziosità, bassi costi operativi e, ovviamente, rispetto dell’ambiente. Un aspetto, quest’ultimo, ulteriormente esaltato dal dispositivo Start&Stop di serie, che gestisce lo spegnimento temporaneo del motore in caso di sosta, con conseguente contenimento di consumi ed emissioni.
Altro tema sul quale il Doblò versione 2010 non accetta compromessi è quello della sicurezza. In primo luogo, per assicurare un comportamento dinamico ottimale in tutte le condizioni di fondo stradale e di carico, sono state introdotte soluzioni meccaniche innovative, tra le quali spicca la sospensione posteriore bi-link, proposta con differenti tarature dei componenti in funzione dell'impiego del veicolo. La tenuta di strada, poi, è garantita anche dall’adozione di dispositivi per il controllo della stabilità quali l’Abs con il correttore elettronico della frenata Ebd e, soprattutto, l’Esp completo di sistema Hill-holder di serie, che assiste il guidatore nelle partenze in salita.
Buone notizie anche sul fronte della sicurezza passiva, che il Doblò porta ai massimi livelli grazie alla scocca a deformabilità programmata e agli Airbag, non solo frontali ma anche laterali anteriori. Non manca, inoltre, tutta una serie di dotazioni capaci di creare condizioni ottimali di comfort e, quindi, di favorire l’attenzione alla guida: dal climatizzatore automatico con distribuzione posteriore ai sensori di parcheggio, dal sistema vivavoce integrato al navigatore Blue&Me-TomTom.
Il nuovo Doblò, comunque, non arriva da solo nelle concessionarie. Contestualmente, infatti, si rinnova anche la versione commerciale Doblò Cargo, progettata per posizionarsi al vertice della categoria dei veicoli professionali in termini di prestazioni e funzionalità. Rispetto al modello precedente, sfoggia un vano di carico più spazioso, pienamente sfruttabile grazie alla forma squadrata e regolare. E poi, esibisce numeri da record, che si traducono in sostanziali benefici in fatto di ottimizzazione e contenimento dei costi di gestione: lunghezza interna fino a 2,2 metri, volumetria da 3,4 a 4,2 metri cubi, portata da 750 a 1.000 chili, consumo combinato di 4,8 litri/100 km e autonomia di 1.250 km con il 1.3 Multijet.
Sette infine, le tipologie di scocca sulle quali si articola la gamma: furgone passo corto e lungo, furgone tetto alto, combi cinque posti passo corto e lungo più le inedite versioni «pianalate» corte e lunghe, che rendono particolarmente facili ed economici gli allestimenti necessari per specifiche attività professionali.