«Siamo rivali, non compagni»

Nostro inviato

al Nürburgring
Dopo le umiliazioni recenti, i piedi dei piloti della Rossa dovrebbero restare ben ancorati a terra ma forse, anche per via dei cinquantadue gradi sull’asfalto, i piedi un po’ si alzano. Colpa anche e soprattutto del primo assaggio di pista del gran premio d’Europa, un assaggio che racconta della Ferrari di Barrichello settima (Schumacher nelle libere del pomeriggio ha percorso solo cinque giri rientrando per un problema elettronico) a tre decimi solamente dalla McLaren-Mercedes di Raikkonen e persino davanti alle due Renault di Alonso e Fisichella. Per questo Rubens dice soddisfatto: «Qui va tutto molto meglio rispetto a Monaco e mi piacerebbe persino regalare la prima vittoria a questa macchina. Michael? Dovrà chiedere informazioni a me perché non ha girato». Anche Schumi tracima buone sensazioni: «I tempi di oggi (ieri per chi legge, ndr) vanno letti su Raikkonen e Montoya, non su Wurz davanti a tutti, e dicono che non siamo messi male. Per questo sono ottimista». Quindi, il tedesco sulla polemica con Barrichello: «Ci siamo chiariti, giovedì sera eravamo a cena. Lui dice che non siamo più compagni ma solo rivali? Mi va bene se si riferisce alla gara, basta che poi si vada a cena insieme». Getta invece acqua sul fuoco Todt: «Un po’ di sano agonismo ci sta e ci sta anche che a caldo Rubens si sia lamentato».
Risultati della 2ª sessione di prove libere: 1. Wurz (McLaren) 1’30’’623; 2. Zonta (Toyota) a 0’’007; 3. Heidfeld (Williams) a 1’’190; 4. Montoya (McLaren) a 1’’218; 5. Raikkonen (McLaren) a 1’’247; 7. Barrichello (Ferrari) a 1’’520; 8. Alonso (Renault) a 1’’712; 9. Fisichella (Renault) a 2’’219; 11. Trulli (Toyota) a 2’’545; 13. M. Schumacher (Ferrari) a 2’’619.

Annunci

Altri articoli