Sicilia, la Regione assume 150 giornalisti

Dopo quindici anni, sembra arrivata la soluzione per i 150 giornalisti precari delle amministrazioni pubbliche siciliane. Una norma in discussione all’Assemblea regionale prevede l’assunzione a tempo indeterminato con contratto di caposervizio (più alto e meglio pagato di un redattore) per chi abbia svolto per 12 mesi funzioni di portavoce o addetto stampa in Regione, Province, Comuni oltre 30mila abitanti ed enti minori. Il sindacato insorge: limiti troppo stretti, pensiamo anche ai «precari storici».