Sicilia, Unione nel caos per trovare l’anti-Cuffaro

In Sicilia l’Unione è nel caos: sul candidato per le Regionali non si trova l’accordo. Bertinotti mette in pista Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso dalla mafia, il Pdci propugna il nome di Rosario Crocetta. I Verdi applaudono la Borsellino, la Margherita frena: «Con lei si possono vincere le primarie ma si perdono le elezioni», nota Beppe Fioroni. E Franco Marini si rivolge ai Ds: «Non possono ammainare la bandiera dell’assunzione delle proprie responsabilità. Dopo tante incertezze e contraddizioni noi e la Quercia abbiamo il dovere di indicare assieme una candidatura all’altezza della sfida che in Sicilia abbiamo aperto con il centrodestra». L’epicentro dello scontro è infatti proprio tra i due maggiori partiti del centrosinistra: «La verità è che i Ds non vogliono un nostro candidato», spiegano dallo stato maggiore Dl. «Danno la Sicilia già per persa, e vogliono arrivare a un candidato di bandiera ds: Claudio Fava. Invece noi abbiamo i nomi per vincere, da Enzo Bianco a Lettieri a D’Antoni». Di qui la sfida: «Se continuano così, sappiano che la Margherita è pronta a correre da sola alle Regionali, con il suo candidato».