Sicurezza, le accuse della Cdl alla giunta

È ancora emergenza sicurezza nella capitale. Nonostante le rassicurazioni di Veltroni e dell’assessore Touadi il centrodestra continua l’attacco alla giunta, forte anche degli episodi di violenza che si sono verificati nelle ultime 48 ore. «Dopo la conferenza stampa di Forza Italia sulla sicurezza - le parole del coordinatore regionale azzurro Francesco Giro - il centrosinistra si è affrettato a ribadire quanto Roma sia sicura grazie al loro impegno, ironizzando sui poliziotti di quartiere e sui cittadini che realizzano video denuncia, dando così l’ennesima prova di cinismo e d’inerzia nei confronti della città che amministrano. La cronaca, ripresa da tutti i quotidiani, già poche ore dopo li ha, purtroppo, sconfessati clamorosamente. La stessa notte di martedì Trastevere ha vissuto un’ordinaria serata di violenza, con urla, auto danneggiate, poliziotti aggrediti ed una giovane colombiana arrestata e subito rilasciata dalla magistratura».
Trastevere e non solo. Anche la periferia ha i suoi problemi. «Quasi contemporaneamente - continua Giro - nel quartiere di Tor Vergata, si sono verificate, il 10, l’11 e il 12 settembre tre aggressioni violente una dopo l’altra: il pestaggio di un uomo finito in coma all’ospedale, una giovane coppia aggredita e derubata e una rapina ai danni di una portantina. Mi chiedo e ci chiediamo se questa è la città più sicura d’Europa, così come si ostina a dichiarare il sindaco di Roma. La verità è che il modello Roma purtroppo non esiste mentre esiste il modello Veltroni, che ha prodotto degrado insicurezza e immondizia ovunque, dal centro storico alle periferie».
Del tutto inutili anche le denunce di Alleanza nazionale. In questi mesi sono continuate le rapine all’interno del parcheggio del Policlinico di Tor Vergata senza che nessuno si attivasse per affrontare il problema. «A distanza di quasi sei mesi dalla nostra prima denuncia - commenta il consigliere regionale di An Francesco Aracri - non è cambiato nulla. Quando abbiamo parlato di persone incappucciate che agivano sempre all’imbrunire e che aspettavano le loro vittime prescelte nascoste dietro le auto in sosta del parcheggio, ci hanno quasi deriso. Ieri (mercoledì Ndr), dopo la portantina assalita negli spogliatoi del policlinico, qualcuno dovrà ricredersi e agire di conseguenza».
Per Augusto Santori, consigliere municipale in XV municipio (An), infine, andrebbe risolta anche «la questione relativa alla sicurezza sui mezzi pubblici, che vedono da tempo cittadini soggetti ad angherie di ogni genere e autisti costretti a fare gli straordinari in loro difesa. Avevamo in passato proposto il ritorno dei fattorini sugli autobus al fine di garantire sicurezza e qualità del servizio agli effettivi utenti dei servizi di trasporto pubblico, al quale però il presidente dell’Atac non ha ritenuto opportuno dare seguito».