Siena c’è e travolge Napoli

Oscar Eleni

Carlo Recalcati trova nell’antro della Sibilla il filtro per far tornare la Siena del basket una bella principessa sul campo di Napoli, lasciando alla Carpisa la sgradevole sensazione di aver preso in faccia un Tir perché gli oltre 20 punti di scarto (76-97) fanno un gran male. Montepaschi con le mani benedette, 19 su 28 nel tiro da 3 punti, quasi un record, ma anche squadra che sembra aver ritrovato un dialogo fra uomini che avevano smesso di aiutarsi, preferendo nascondersi. Bastava purificare l’aria, è stato sufficiente riscoprire il gusto dell’impresa nel doppio supplementare vinto a Cantù, per ridare entusiasmo al gruppo. Certo Napoli non si aspettava che la ranocchia cambiasse così in fretta, lo ha scoperto nello stesso momento in cui si è resa conto di aver perso un po’ di elettricità, cominciando da Sesay e Morandais, quando accontentarsi della difesa con il piumino e delle dolcezze di Greer (20 punti) può voler dire tornare troppo indietro.
Recalcati e la sua pazienza da grande guru, prendendo subito atto che Stonerook (16 punti: 4 su 6 da 3; 10 rimbalzi) ha tanto da dargli nella giornata in cui l’allenatore dell’Italia doveva proprio pesare il ricciolone e Mason Rocca, due candidati all’azzurro per l’unico posto di naturalizzato libero al mondiale, rendendosi conto che Pecile (16 punti; 4 su 4 da 3; 3 recuperi, 3 rimbalzi offensivi) è ancora lontano dallo Spinelli che ieri è andato quasi subito fuori giri. Siena con l’anima giusta di Kaukenas, Hamilton, con l’energia giovane di Boisa, l’armonia senza egoismo del Jamel Thomas da 24 punti (8 su 12), che era andato in corto quando il Montepaschi era diventato un mercato dell’egoismo.
Ritrovare Siena a questo livello vuol dire avvisare tutti che il campionato deve ancora dirci la verità e due vittorie fuori casa per il Monte valgono tantissimo, così come sarà importante per Napoli farsi un bel bagno purificatore, aspettando di ritrovare l’energia lasciata in una grande prima parte di stagione.
Sul messaggio che arriva da Napoli ragioneranno oggi a mezzogiorno Treviso e Milano che si trovano al Palaverde. Benetton avvisata da un’Armani che, come Siena, giura di aver purificato l’aria. Vedremo.

Venerdì: Varese-Cantù 84-69. Ieri: Napoli-Siena 76-97. Oggi (ore 18.15): Roma-Capo d’Orlando; Reggio Calabria-Teramo; Fortitudo-Avellino; Roseto-Reggio Emilia; Livorno-Udine; Biella-Virtus; Treviso-Armani (ore 12, diretta tv SkySport2). Classifica: Treviso, Fortitudo e Siena* p. 38; Udine, Virtus e Napoli* 36; Armani 34; Roma 32; Biella e Varese* 30; Reggio Emilia 24; Teramo 20; Livorno e Cantù* 18; Capo d’Orlando 16; Roseto 12; Avellino 10; Reggio Calabria 6. *una partita in più.