Siena tra le "note" della Chigiana

La fondazione Mps presenta un volume dedicato a una delle maggiori istituzioni musicali al mondo

L’Accademia Musicale Chigiana è una delle istituzioni musicali più importanti al mondo. Fondata dal conte Guido Chigi Saracini nel 1932 per organizzare corsi di perfezionamento, l’accademia ha visto alternarsi nel proprio corpo docente artisti di fama mondiale: da Pablo Casals (uno dei maggiori violoncellisti del Novecento) al compositore Alfredo Casella, dal direttore d’orchestra Sergiu Celibidache a pianisti come Alfred Cortot o Guido Agosti fino, in tempi più recenti a Carlo Maria Giulini, Salvatore Accardo, Bruno Giuranna, Franco Petracchi, Angelo Stefanato, Franco Donatoni, Severino Gazzelloni e Franco Gulli.

A raccontarne la storia è stata la Fondazione Monte dei Paschi di Siena presieduta da Gabriello Mancini nel libro “La Chigiana di Siena. Guido Chigi Saracini e la sua Accademia Musicale”. Il volume, stampato da Pacini Editore di Pisa e curato da Guido Burchi e Giuliano Catoni, si compone di cinque capitoli intitolati ai movimenti e ai tempi musicali. Un viaggio che accompagna il lettore dalle origini dell’Accademia Chigiana fino agli ultimi decenni del Ventesimo secolo. L’opera, che ruota attorno alla figura di Guido Chigi Saracini, si basa sull’analisi delle oltre sessantamila lettere lasciate dal conte-mecenate, studiate per la prima volta per ricostruirne la personalità, il pensiero sul mondo e sulla musica. Le 280 pagine sono corredate da un ricco materiale fotografico a colori e in bianco e nero.