Sigaretta elettronica vietata ai minori di 16 anni "Potrebbe indurre a mantenere la dipendenza"

Il ministero della Salute ha vietato la vendita della sigaretta elettronica ai minori di 16 anni. Il provvedimento durerà 12 mesi, in attesa "di una
regolamentazione complessiva di tali dispositivi elettronici"

Vietata ai minori di 16 anni. Con una ordinanza dello scorso agosto, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale di ieri, il ministero della Salute ha vietato la vendita della sigaretta elettronica contenente nicotina ai minori di 16 anni. Le motivazioni del divieto sono rintracciabili sul fatto che "allo stato attuale mancano le conoscenze, relativamente alla maggior parte dei sistemi elettronici in questione, sugli effetti sulla salute dei composti organici e dei prodotti per la vaporizzazione in essi utilizzati" e che mancano studi che "dimostrino l’effettiva efficacia e sicurezza dei dispositivi nel favorire la cessazione dell’abitudine al fumo". Non solo.

Il ministero nell’ordinanza ritiene anche che allo stato attuale "manchino evidenze che escludano, a causa del loro utilizzo, l’insorgere di possibili effetti che inducano da un lato il mantenimento della dipendenza da nicotina e dall’altro promuovano l’avvio e la transizione al fumo di sigaretta" e manchino "le conoscenze sugli effetti sulla salute dei composti organici e dei prodotti per la vaporizzazione in essi utilizzati".

Per questo motivo, il divieto di vendita della sigaretta elettronica durerà 12 mesi, in attesa della definizione "di una regolamentazione complessiva di tali dispositivi elettronici sulla base delle evidenze scientifiche che si renderanno disponibili".