Il sigillo della pittura di Hopper su 50 anni di storia del film

Una rassegna per mostrare come la pittura di Hopper abbia influenzato mezzo secolo di storia cinematografica. Hopper-Immagini di Cinema, da domani 3 novembre allo Gnomo, presenta alcuni di questi titoli che hanno attinto all’arte del Maestro americano attraverso citazioni, riferimenti, squarci iperealisti. In calendario film come Psycho di Hitchcock (il 4), Viale del Tramonto di Wilder (il 4), Il postino suona sempre due volte di Garnett (il 5), Radio America di Altman (il 7) o Il grande Gatsby di Clayton (l’8). Il 5, all’Oberdan, debutta una interessante retrospettiva C’era una volta Berlino: a 20 anni dalla caduta del muro. Sedici i film proiettati, nove dei quali mai distribuiti in Italia. Da appuntarsi, in ogni caso, l’emblematico Goodbye, Lenin! dell’8 o lo straordinario Le vite degli altri il 7. Sempre all’Oberdan, prosegue fino al 4 la rassegna Invictis Victi Victuri. Il riarmo morale della Democrazia italiana 1948 - 1960.