Sigma-Tau in Usa: compra Enzon

Gli azionisti della Enzon, società farmaceutica americana quotata al Nasdaq (Enzn) hanno reso noto di aver accettato l’offerta di Sigma-Tau, una delle prime società farmaceutiche italiane con 1.700 addetti e ricavi per quasi 700 milioni di euro, per l’acquisizione del suo settore speciality care. Il valore dell’operazione è di 300 milioni di dollari in contanti e una somma ulteriore fino a un massimo di 27 milioni in base al conseguimento di obiettivi stabiliti dall’accordo. Enzon riceverà anche royalties dal 5 al 10 per cento sulle vendite nette incrementali realizzate dai prodotti farmaceutici oggetto dell’acquisizione. L’accordo di vendita prevede anche che Sigma-Tau entri in possesso dello stabilimento produttivo Enzon di Indianapolis nello Stato dell’Indiana.
L’acquisizione del ramo d’azienda farmaceutico della Enzon è stato reso possibile anche grazie all’intervento finanziario messo a punto da Intesa Sanpaolo, già presente con una quota del 5% nel capitale del Gruppo Sigma-Tau.
Claudio Cavazza, presidente del Gruppo Sigma-Tau, già presente da diversi anni nel mercato statunitense con una propria filiale (Sigma-Tau Pharmaceuticals, Inc.), ha ricordato che: «Questa importante acquisizione è avvenuta grazie alla determinazione che abbiamo saputo mantenere nonostante la pesante congiuntura economica.
La nostra azienda, come altre nel nostro Paese, senza alcun aiuto pubblico ha dato l’unica risposta possibile alla crisi, investendo consistenti capitali, grazie al supporto di Intesa Sanpaolo, in un progetto che incrementerà la nostra presenza nel più importante mercato farmaceutico mondiale, quello statunitense. Il nostro sarà un impegno di qualità perché opereremo, e ciò dà maggior significato alla nostra sfida, nel particolare comparto, dal grande valore terapeutico e sociale, per la cura delle malattie rare. Nel nostro Paese non esiste un Orphan Drug Act e stiamo aspettando da tempo una legge che sostenga la ricerca in questo ambito e che, essenzialmente, tuteli i pazienti e loro famiglie coinvolti o meglio travolti dagli effetti delle malattie rare».
Il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, ha commentato l’acquisizione affermando che «Sigma-Tau sta crescendo puntando sull’innovazione e l’internazionalizzazione. È una società con una corretta visione del sistema e dimostra pragmatismo, coraggio e razionalità. La farmaceutica - ha aggiunto - è la punta di diamante del sistema salute e presenta ancora numerose opportunità».
Enzon è un’azienda farmaceutica che ha condotto con successo le proprie ricerche studiando nuove molecole per la cura di malattie rare in ambito oncologico.