Signor onorevole, almeno si vergogni

Onorevole si vergogni! Quanti come me hanno avuto la ventura di aprire i quotidiani (almeno alcuni, se non tutti), si sono trovati di fronte all’immagine dell’onorevole Pecoraro Scanio che scoppiava in una allegra risata, condivisa dal suo compagno occasionale Vasco Errani, presidente Ds della Regione Emilia, nel chiaro atteggiamento di chi dice: tiè glie l’abbiamo fatta!!! Ma subito dopo siamo inorriditi nel leggere che questo siparietto si era svolto nientemeno che ai funerali dei tre nuovi Caduti di Nassirya, davanti alle loro bare, alle mogli e madri disperate in lacrime e ad almeno mezza Italia rappresentata da serie persone in lutto isncero. Che vergogna! Che mancanza di elementare decenza, persino di elementare pietà! E poi ci stupiamo che bande di facinorosi continuino ad urlare in contemporanea con funerali, 10, 100, mille Nassirya! Che ministri in carica vengano vilipesi e strattonati in piazza perché «si permettono» di partecipare alle manifestazioni nazionali, com ogni cittadino avrebbe diritto di fare!
Mi fermo perché quella immagine che tutta l’Italia spero abbia avuto modo di vedere sui quotidiani, dice molto di più delle parole. Ma stia certo Onorevole, come ha detto il caro Mons. Bagnasco ai funerali, il sacrificio di quei ragazzi «non sarà vano, perché ogni frammento di bene e di sincera dedizione è una scintilla di eternità che non sarà mai spenta», neppure da sinistre risate.
Si vergogni! E chieda almeno scusa!