La Signora riparte da Cannavaro l’uomo del tradimento

La società prepara un futuro con Lippi e i suoi uomini. Torna il difensore e gli ultrà inneggiano a Conte

E perchè non Emerson e Vieira? L’ultima della Juve non è il gol segnato da Grygera all’Inter, ma (gol o autogol?) l’ipotesi di accordo sul ritorno di Cannavaro: un anno o due da giocatore, poi un triennale per lavorare in società. Niente di firmato, ma tutto disegnato.

Cannavaro chi? Risponderebbero i più accaniti contestatori bianconeri, gli stessi che lo fischiarono furiosamente quando giocò a Torino con il Real, quelli che convinsero la dirigenza (sbagliando) ad abbandonare l’acquisto di Stankovic e oggi inneggiano al siluramento di Ranieri a favore di Antonio Conte, ex capitano, ora tecnico del Bari e, guarda caso, un uomo fidato di Marcello Lippi. In tutta questa miscela di casi, ricordi, fatti e misfatti si intrecciano le diverse tesi sul futuro della Juve. Forse, ora, assumerà contorni meno sfumati il pranzo di una decina di giorni fa fra il ct azzurro e Blanc, l’amministratore delegato bianconero. Cannavaro è un parametro zero e questa è l’unica buona notizia per la società. Anche se gli altri di recente acquisizione (Mellberg, Grygera, Molinaro, Salihamidzic, Marchionni, Zanetti) non l’hanno miracolata. Il capitano azzurro è stato odiato per il suo abbandono alla causa, che però portò diversi quattrini alla cassa juventina, allora bisognosa. Dicono gli spifferi che Ranieri non ne sappia nulla. O quasi. E sarebbe curioso andare a ripescare una dichiarazione di Cobolli Gigli che, nemmeno due mesi fa, disse: «Cannavaro non interessa, i ritorni non sono graditi». Ma anche Blanc era stato sulla stessa linea qualche tempo prima.
D’accordo, si può sempre cambiare idea. Ma come la mettiamo con la Juve che punta sui giovani? Che cerca giocatori per un futuro? Con la Juve che vuole Diego e Cannavaro, nonostante il diverso parere del suo attuale tecnico? Per attuale s’intenda Ranieri. Blanc lo ha appena confermato. Ma, seguendo la logica di queste mosse, ci sarebbe da attendersi qualche colpo di scena. L’idea Cannavaro avrà goduto dell’avallo di Lippi. In qualità di ex? Di conoscitore del suo capitano mondiale? O di futuro general manager? La risposta a questa domanda porterebbe lontano. Anche a chiedersi come gestirà i suoi affari con la nazionale e gli affari con la Juve. Affari di Lippi, si dirà. Ma poi come saranno prese le convocazioni degli juventini? Vabbè, Lippi gode di immunità da titolo mondiale. Il resto lo faranno lippismo e lippiani.

Ma l’idea Cannavaro, spuntata forse non a caso dopo la deludente partita con l’Inter, potrebbe essere l’avviso ai naviganti: guardate che stiamo organizzando il futuro con il ct. State tranquilli. La Juve ha ancora due obiettivi decisivi: la coppa Italia e il secondo posto, che migliorerebbe il terzo dell’anno passato. Servono tranquillità e convinzione. Magari anche giocatori migliori: il confronto con l’Inter è stato impietoso sia all’andata, sia al ritorno. Fuor della società, ma anche dentro, è tutto un ribollire di diversità di vedute. L’acquisto di Cannavaro potrebbe avere una buona ragione: risparmiare i danari per un altro difensore centrale (non bastano Legrottaglie e Chiellini) in attesa della crescita dei giovani (leggi Ariaudo) e impiegarne di più per altri acquisti di qualità. Senza dimenticare che Trezeguet potrebbe partire.

Cannavaro dovrebbe incassare circa tre milioni a stagione. E Buffon gli ha dato il benvenuto a nome dei grandi vecchi: «Un difensore così fa sempre comodo, è un grande campione e ha tanta esperienza. Ovviamente con lui non si può pensare ad un progetto a lungo termine, vista l’età. Ma anche io ormai non sono più tanto giovane».
Resta da capire chi abbia ispirato i cori da stadio a favore di Conte. Così strani in un momento tanto delicato. Se Lippi lo vuole con sé, non ha bisogno di farlo sapere tramite ultras. E se preferisse Ferrara o Peruzzi? Poi siamo sicuri che il ct sia l’ideale per gestire acquisti e vendite? Quando gli toccò (leggi Inter) fu un vero disastro.

Sicuri che la rifondazione possa partire da Cannavaro? Il Real pensa di no. Ed ora aspetta la lettera della Juve che, secondo un recente gentleman agreement fra i manager delle società europee, dovrà annunciarle l’avvio della trattativa. Che poi sia già conclusa, è solo un dettaglio.