IL SILENZIO DEI POTENTI

È la seconda volta in pochi giorni che mi occupo di questioni genoane. Ma, così come parlare di Preziosi e di Della Valle, voleva dire andare oltre il gioco del calcio e parlare anche di vita, così l’argomento di cui ci occupiamo oggi, esce ampiamente dai campi di calcio. E, anzi, è qualcosa che può dire molto su Genova e sul clima della nostra città.
Succede che il Genoa viene promosso in serie B. Ed è qualcosa di importantissimo, non tanto e non solo per il risultato sportivo, ma per come i rossoblù erano precipitati in serie C. Succede che, alla partita di serie C che segna la promozione dei Grifoni, ci siano trentamila persone e che vedere Marassi sia un’emozione stupenda anche per chi, come me, non è genoano. Così come lo è stato lo scorso anno vedere la Sud il giorno della conquista dell’Europa da parte della Sampdoria. Anche per chi, come me, non è sampdoriano.
Insomma, il giorno dei giorni. Uno dei tanti giorni dei giorni, in cui il popolo rossoblù ha detto al mondo chi sono i genoani. Qualcosa di fronte a cui non si può essere indifferenti. Ripeto, al di là del tifo. Poi, ci si può (...)