Il silenzio su Hina vittima dell’islam

Il nemico del mio nemico è mio amico. Se «Hina è vittima dell’Islam», come recitava ieri uno striscione leghista davanti al tribunale di Brescia, meglio non agitarsi troppo. Va bene scaldarsi in difesa dei diritti delle donne lapidate in Iran o delle seviziate in Pakistan. Bello manifestare per le infibulate in Egitto o le bambine schiave in India. Ma quando la violenza si fa pericolosamente vicina, quando a essere vittima è una ragazza di ventidue anni sgozzata dal padre perché voleva vivere da occidentale con un fidanzato non scelto dalla famiglia, allora è preferibile sorvolare. Ad accusare di maltrattamenti uomini di culture diverse, ovviamente immigrati, si rischia di passare per razzisti. Se poi l’omicida è un musulmano, si scivola nel politicamente scorrettissimo.
Allora che si fa? Giriamo alla larga. Anzi meglio, rigiriamo la frittata. Se pure non hanno molta dimestichezza con padelle e fornelli, ci sono riuscite benissimo ieri le donne di Rifondazione comunista, che nel «Forum Donne Prc» scrivono: «Non di delitto islamico si tratta, come strumentalmente ancora una volta si tende a ridurre e semplificare la vicenda, liquidandola con argomentazioni razziste, ma di delitto patriarcale». Ecco, delitto patriarcale. Quindi frutto della violenza maschile contro le donne, nella misura in cui «si verifica al nord e al sud, in Oriente e in Occidente», nella misura in cui «attraversa indifferentemente classi sociali e quartieri, nativi e migranti, bianchi e neri, cattolici e musulmani». Nella misura in cui Hina è stata massacrata dal padre padrone, manifestiamo solidarietà e ricordiamo che sono «oltre un milione le donne che hanno subito violenza nel proprio nucleo familiare». Hina una fra un milione, quindi perché fare tanto baccano.
Perfino la responsabile dei diritti civili dei Ds, Ivana Bartoletti, parla genericamente di «libertà femminile come leva di una nuova cultura del rispetto, della convivenza, della tolleranza» e avverte che «non ha senso invocare scontri di civiltà, perché la morte di Hina è frutto di chi confonde la nostalgia di casa con il fanatismo».
La scorsa estate c’erano già state polemiche per la latitanza delle donne di sinistra e delle femministe sul caso Hina («era agosto, eravamo in vacanza» era stato lo stralunato commento di una femminista in ferie). Ora siamo a fine giugno, il periodo vacanziero non dovrebbe essere ancora iniziato, ma davanti al tribunale di Brescia le duecento manifestanti erano per lo più musulmane. Arrivate in pullman, col treno, in auto. Poche le italiane, Daniela Santanchè (An) e Selma Dall’Olio in testa. Le agenzie di stampa hanno battuto dichiarazioni di solidarietà solo da una parte politica, che non è certo la sinistra.
Come definire tutto ciò? Ipocrisia è l’unica parola che calza a pennello. Un buonismo ipocrita che non aiuta nessuno, una melassa etnicamente corretta che danneggia per primi gli immigrati. Se anche quello di Hina fosse un delitto patriarcale, cosa che non è, sarebbe inutile nascondere che questa forma di patriarcato non appartiene più alla nostra cultura da almeno cinquant’anni. Hina è stata seppellita dal padre in giardino con la testa rivolta verso la Mecca, ma questo evidentemente è un aspetto secondario. Anche i delitti di mafia hanno dei rituali simbolici, come il fico d’india in bocca.
Se una certa sinistra pietista si svegliasse capirebbe che questo atteggiamento danneggia per primi proprio gli immigrati. Se in Italia esiste una legge che permette a una ragazza di fidanzarsi con chi le pare, questa legge va rispettata. In Olanda, in Inghilterra, in Francia e in Germania, hanno finalmente capito che l’integrazione non può passare per il multiculturalismo. Ma per noi l’estero è un modello solo per quel che piace alla gente che piace.
Ps. Poi dovete anche spiegarci perché devono essere solo le donne a protestare. Non è un problema che dovrebbe interessare anche gli uomini?
Caterina Soffici