La silenziosa ascesa di un immobiliarista da Cuba a New York

Ma chi è Davide Bizzi, il businessman che - dopo Giuseppe Pasini e dopo
Luigi Zunino - ha preso in mano le sorti dell’area Falck di Sesto?
Cinquant’anni, cresciuto alla scuola del finanziere Ernesto Preatoni,
fino a pochi mesi fa per la comunità finanziaria italiana Bizzi era
quasi uno sconosciuto

Ma chi è Davide Bizzi, il businessman che - dopo Giuseppe Pasini e dopo Luigi Zunino - ha preso in mano le sorti dell’area Falck di Sesto? Cinquant’anni, cresciuto alla scuola del finanziere Ernesto Preatoni, fino a pochi mesi fa per la comunità finanziaria italiana Bizzi era quasi uno sconosciuto. La sua ascesa si era compiuta quasi per intero all’estero: prima in Estonia, poi a Cuba, infine a New York dove - con una operazione apparentemente azzardata - ha rilevato una delle ultime aree edificabili di Manhattan dove ha realizzato un grattacielo di 58 piani. Il successo newyorkese ha messo le ali a Bizzi che a Sesto è sbarcato insieme al suo socio storico Paolo Dini (fondatore della casa di abbigliamento Paul & Shark) e dei coreani del fondo di investimento Honua. Attraverso la Sesto Immobiliare, Bizzi ha rilevato l’area Falck dalla Risanamento spa, la holding di Luigi Zunino inghiottita dalle banche dopo avere rischiato il crac in seguito alla operazione immobiliare di Santa Giulia, a Rogoredo.
Sposato, riluttante alle interviste, Bizzi è proprietario di uno splendido yacht, uno Swan battezzato Naschira e ormeggiato a Sanremo.