«Silvio attaccato da tutti ma non lo abbatteranno Ha 7 vite come i gatti»

«Avevamo più o meno 15 anni quando ci siamo conosciuti, da allora Silvio non è cambiato molto. Lo attaccano su tutti i fronti, ma lui è forte, ha sette vite come i gatti». Niente di meglio che Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, per raccontare l’amico Berlusconi e quello che gli gira attorno. Occasione il faccia a faccia con Lucia Annunziata al Festival del diritto di Piacenza. Si parla di attacco della magistratura, di certe evitabili battute, dello spettro di una piazzale Loreto e del futuro di un’azienda importante come Mediaset nel caso il premier si facesse da parte. Confalonieri fa largo uso di saggezza: «Certe battute emerse da recenti intercettazioni come quelle del caso Tarantini, il presidente del Consiglio le avrebbe potute evitare, ma che certa magistratura lo abbia attaccato in maniera incredibile è sotto gli occhi di tutti, si sta esagerando». Ci si chiede se questo attacco continuo possa minare il fisico e la mente. Negativo. «È pieno di energia, sta bene e reagisce alla grande nonostante le difficoltà». E poi «finché ha il voto del Parlamento deve andare avanti. Poi se lo manderanno giù, il presidente della Repubblica trarrà le conseguenze».
Ma a Confalonieri piace ricordare soprattutto le origini dell’amicizia con Berlusconi che data «da quando avevamo 14-15 anni». «Ha un anno più di me, anche se camuffato un po’ sembra più giovane. In questo momento gli voglio più bene di prima». Lo chiamava ogni tanto, ora lo chiama tutti i giorni. «È stato preso di mira come nessuno, è stato spiato in ogni passo e telefonata, merita affetto». Confalonieri cita la frase riportata nelle intercettazioni: «Quando dice “a tempo perso faccio il premier” come si fa a non capire che questa è solo una battuta?». Il presidente di Mediaset è costretto a rispondere all’Annunziata che insiste sul caso escort: «Il giudizio della storia sarà quel che sarà, io dico solo che certe cose non ha fatto bene a farle».
L’Annunziata incalza sul conflitto di interessi. «Questo - dice Confalonieri - è un problema che andava risolto prima della discesa in campo. Adesso cosa fai? Prendi l’azienda e la metti in mano a un notaio, a dei burocrati? Il conflitto di interessi c’è ma non è detto che a beneficiarne sia la nostra azienda. Noi facciamo bene il nostro mestiere e per questo siamo rispettati dal pubblico». Azzoppare Berlusconi e azzoppare anche Mediaset «è una visione miope, da faziosi. E poi a che serve? Abbiamo 5000 dipendenti e ne facciamo lavorare altrettanti. Ho parlato di un timore ma credo che questo non sia più un Paese da piazzale Loreto. La gente di sinistra è ragionevole».
Chiusura con Michele Santoro, croce e delizia. Comunque un «cavallo di razza». «Ora che è uscito dalla Rai potrei anche fargli un’offerta ma come faccio? Porto la D’Addario e Ciancimino in trasmissione? Sono cose da considerare queste...». A Santoro, come giornalista, tanto di cappello, «è uno che ci sa fare, poi posso anche criticarlo su altre cose». Tipo che fa bene il martire? «Imbattibile!».