Simona Ventura procede serafica La diffida della Lega non la sfiora

Carlo Faricciotti

da Milano

Come prima più di prima. Quelli che il calcio glissa sulla diffida recapitatale venerdì dalla Lega Calcio («la Rai è invitata ad astenersi da precise violazioni contrattuali in merito ai collegamenti radiofonici durante la trasmissione di Raidue Quelli che il calcio») e segue il consolidato copione: Enrico Varriale, al posto dell’inviato sull’Isola dei famosi Massimo Caputi, annuncia i risultati in diretta (il primo introdotto dall’ironica formula «Un colombo viaggiatore mi ha informato che la Fiorentina è andata in vantaggio...»), il Maifredi Team rifà, dal campo sportivo Rigamonti di Brescia, i gol principali, Max Giusti imita Clemente Mastella e il presidente della Lazio Claudio Lotito.
Tra gli extra, all’inizio della trasmissione una telefonata di Gene Gnocchi che con voce più nasale del solito ha detto: «Oggi non posso fare la trasmissione, ho un grosso raffreddore e la febbre a 35 e 6». Di fronte allo stupore di Simona Ventura, Gnocchi ha avanzato le sue richieste per partecipare: «Voglio Marino Bartoletti al posto di Varriale, che giochino Inter, Milan, Juventus e la Nazionale contro il Resto del Mondo e Franca Ciampi al posto di Federica Ridolfi».
Altro momento-clou della trasmissione, l’intervista di Giovanni Floris alla Ventura, tra l’altro votata come «personaggio più gradito di ottobre» nella classifica mensile di Tv Sorrisi e Canzoni. Tra le domande «Cosa farà oggi pomeriggio Bonolis?» «Io andrò in chiesa, lui non lo so. Comunque Paolo è un ottimo collega. Probabilmente Mediaset non ha tenuto conto che gli italiani odiano le innovazioni e amano il passato, sono rimasti affezionati a 90° Minuto».