Simoncelli ci prova: «Vincere e sperare...»

«Non ho tattiche se non quella di dover vincere». Marco Simoncelli - alla vigilia dell’ultima gara del Motomondiale, classe 250, a Valencia - non ha altre alternative. Per conservare il titolo iridato, il romagnolo dovrà soltanto vincere e sperare che Hiroshi Aoyama, quinto in griglia di partenza, non chiuda tra i primi 11.
Il campione del mondo in carica ha chiuso le qualifiche con il secondo tempo, nonostante il dolore che gli sta procurando la frattura alla nona costola destra patita mentre guidava un kart. Ma il distacco di 21 punti in classifica dal giapponese, non permette a Simoncelli di fare calcoli. «Oggi ho cercato di dare il massimo anche se la costola mi ha sempre fatto male, ma non potevo tirarmi indietro», spiega Simoncelli. «Ho visto che Aoyama è in seconda fila, ma questo non mi può far stare tranquillo. L’unica cosa che posso fare è arrivare per primo al traguardo e sperare in un po’ di fortuna», prosegue, prima di lanciare un ultimo messaggio alla dea bendata che in questa stagione gli ha strizzato l’occhio poche volte: «Sono certo fino ad oggi di aver fatto una bella stagione, forse sono stato un po’ sfortunato, spero che la ruota giri anche per me».
Chiusi già due settimane fa i giochi per il titolo iridato della MotoGp, Rossi si accontenta di un quarto posto in griglia di partenza: «Voglio solamente finire l’anno con una buona gara». Pole per Stoner, davanti a Pedrosa e Lorenzo.
Diretta Tv: Italia 1 dalle 10.45. MotoGp alle 14.