La Simpson stende la Jones, lampo svedese nei 100 ostacoli

Una settimana fa, a Parigi, Marion Jones era tornata sotto gli 11” nei 100 metri, con un 10”92 che sembrava lo strappo netto con le bufere degli ultimi anni, storie di doping e amicizie sbagliate. Ieri a Roma la 30enne che per tre volte ha vinto il jackpot finale della Golden League ha fatto anche meglio di Parigi, 10”91, suo miglior crono di una stagione in cui era imbattuta. Era, appunto, perché la pista dell’Olimpico ha premiato la giamaicana Sherone Simpson (10”87), che sembrava non potesse scendere in pista perché infortunata. Deve comunque farle bene l’aria di Lignano Sabbiadoro, dove proprio i giamaicani hanno fatto base per gli allenamenti. E, a proposito di gente passata a lavorare da noi, al lampo nero della Simpson si è passati a quello biondo della svedese Susanna Kallur, nata a New York quando il padre Anders giocava a hockey con gli Islanders. La ragazza si è presa i 100 ostacoli in 12”52, lasciando le briciole a Michelle Perry, 12”43 martedì a Losanna. La Kallur prenota un ruolo da protagonista per gli europei in scena a Goteborg, nella sua Svezia, in agosto.
\