Sindacati a secco

Ah, quanto è duro fare il sindacalista con questo governo di centrosinistra. Il povero Guglielmo Epifani, leader della Cgil e vero ministro ombra del Prodi II, pur di difendere le scelte di Palazzo Chigi è arrivato a chiedere ai benzinai «di fare delle proposte, anziché scioperare». Segnale di un certo nervosismo, che arriva dopo i fischi impietosi di Mirafiori, e di uno scollamento sempre maggiore tra i lavoratori e il sindacato. Che rischia di rimanere a secco di idee e iscritti. Proprio come i serbatoi degli automobilisti