Il sindaco ds di Montalto insulta Finocchiaro e Fassino

Montalto di Castro (Viterbo). «Anna Finocchiaro è una talebana del c...o. Piero Fassino? È lui che ha bisogno di me, non io di lui». Così il sindaco di Montalto di Castro, Salvatore Carai, ha commentato in consiglio comunale la mozione di sfiducia presentata dal centrodestra. Il primo cittadino ds del comune laziale è diventato «famoso» nelle scorse settimane perché aveva anticipato le spese legali a sei degli otto minorenni montaltesi accusati di aver stuprato in gruppo una quindicenne di Tarquinia. Una decisione che la Quercia nazionale, insieme con tutte le altre forze politiche, aveva definito «sconcertante». «Carai dimostra sprezzo del ridicolo, mancanza di responsabilità e di misura. Avrebbe bisogno di riposo», ha detto in serata il portavoce di Fassino. Più tardi il primo cittadino del centro laziale ha cercato di correggere il tiro esprimendo «profondissima stima» nei confronti della presidente dei senatori dell’Ulivo e del segretario della Quercia. Con le giustificazioni di rito: «Le mie parole sono state travisate».