Il sindaco Pericu tiene in caldo i cittadini genovesi

Il meteorologo Sergio Del Ponte conferma: ottobre eccezionale. Ma i termosifoni restano accesi

(...)la temperatura è scesa di parecchi gradi (fino a toccare undici gradi il giorno 20), i valori termici di questo mese di ottobre sono stati eccezionalmente alti, tanto da stabilire una media (nei primi ventisei giorni) di 17 gradi e nonostante i giorni freddi di cui si è detto prima». Fin qui l’esordio di Del Ponte, che ha mandato a memoria e conservato in archivio una serie assolutamente unica di dati, cifre, riferimenti climatici. Ma il seguito, anche in chiave di sollecitazione ulteriore al primo cittadino di Genova, è perfettamente in tono: «In cinquanta anni sono stati rari i mesi di ottobre simili a questo e possiamo ricordare il 2001 con 20°, il 2004 con 18°,8 e il 2002 con 17°,6 seguiti a ruota proprio dall’ottobre 2005; è interessante notare come tutti questi anni appartengano al secolo Ventunesimo». Non è finita: «I valori termici superiori ai venti gradi - insiste Del Ponte, sperando di essere ascoltato a Palazzo - sono durati a lungo, dal giorno 9 al 16 e dal 22 al 26 con una punta di 24° il primo del mese. Soltanto nel lontano 1962 e nel recente 2004 si raggiunse un picco di 26 gradi. Data l’attuale altissima pressione barometrica (1024 millibar) queste alte temperature sono destinata a durare anche nei prossimi giorni».
Ma la temperatura, va da sé, non basta a provocare quella sensazione di fastidio che si avverte in questi giorni, per di più con i caloriferi sempre regolarmente accesi. Un ruolo determinante è «giocato» dal tasso di umidità: «Insieme alle temperature troppo alte per la stagione - aggiunge infatti il meteorologo -, la nota dominante è stata la grande umidità, con estese foschie; la percentuale media dell’umidità relativa è stata del 75 per cento, con una punta massima del 100 per cento il giorno 23». Non si può, comunque, non fare un accenno alle precipitazioni: «Secondo le mie statistiche - sottolinea Del Ponte - ottobre ha il primato delle piogge con una media annua di 222 millimetri. Quest’anno è stato il rovescio della medaglia: i giorni con pioggia sono stati tredici (e quindi abbastanza numerosi), ma i millimetri caduti sono stati soltanto 35 poiché nei giorni 4, 5, 6, 8, 20 e 24 è caduto un solo millimetro. In complesso, per noi genovesi, questo mese è stato proprio adatto per le tradizionali ottobrate». Peccato che i nostri amministratori non se ne siano accorti.