Il sindaco sfida Ferrante: aiuterò la Moratti

«Ferrante camaleonte? Commenterò solo quando sarà candidato, per ora ha dato solo la sua disponibilità». Il sindaco Gabriele Albertini, almeno nella mimica, non riesce a nascondere disappunto all’indomani della candidatura del prefetto a sindaco del centrosinistra. E assicura di essere pronto ad affiancare Letizia Moratti in campagna elettorale: «Dipenderà dalla sue volontà. Ma se mi sarà chiesto non mi sottrarrò». E replica polemico alle dichiarazioni di Ferrante («Milano ha bisogno di un governo più fresco che sappia esprimere capacità di dialogo, confronto e partecipazione»): «Quando sarà candidato e soprattutto quando e se sarà sindaco, lo potrà fare». Per Formigoni «con Ferrante la sinistra sarà ancora più divisa. Credo che ci sarà da divertirsi. Ho già incontrato la Moratti più volte e so che si impegnerà tantissimo». Anche lo Sdi è pronto a lanciare un proprio candidato alle primarie con radicali e nuovo Psi. Il senatore Roberto Biscardini critica Ds e Margherita («le candidature andavano discusse insieme») e aspetta «al varco» Dalla Chiesa: «Ci dovrà spiegare perché Ferrante è meglio di Veronesi».