Il sindaco tira dritto sulla pollution charge nonostante i malumori della Cdl. Slitta ancora (a lunedì) la delibera sulla mega fusione Aem-Asm «Ticket in autunno e non sarà una farsa» Oggi voto decisivo in giunta ma la Moratti non vuole sconti sulle t

«Il ticket? Certo che sarà presentato in giunta». E lo stop di Forza Italia? «Nessuno mi ha comunicato nulla. La partenza? In autunno, è già tutto pronto. E per quanto mi riguarda non sarà un provvedimento di facciata, tanto perché c’era nel programma elettorale». Tira dritto Letizia Moratti alla vigilia della giunta di questa mattina. Con qualche gufo che addirittura ipotizza una crisi. Ma lei, il sindaco, fa capire chiaro che non ha nessuna intenzione di mollare. Soprattutto di fronte a un centrodestra che assomiglia sempre di più a una torre di Babele in cui tutti parlano una lingua diversa e nessuno sembra più saper ascoltare. Come dimostra il vertice di sabato scorso a casa Moratti, con i colonnelli della Cdl usciti soddisfatti con tanto di comunicato congiunto. Salvo poi scoprire, ognuno tornato alla sua di casa, che come diceva Bartali, gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare. A farne le spese la mega fusione Aem-Asm, le municipalizzate dell’energia milanese e bresciana il cui matrimonio continua a essere rinviato. (...)