La sinistra è divisa. E il Pdl sogna Tursi 2012

Ripensare Genova con idee nuove per la città e realizzare un vero e proprio «libro nero» di tutte le cose che non vanno. È questa la finalità dei periodici incontri che i parlamentari e i consiglieri regionali, provinciali, comunali e municipali del Pdl stanno organizzando in queste settimane con i cittadini e i rappresentanti delle associazioni e dei comitati di quartiere. Lunedì è stata la volta del Centro-Est, uno dei municipi più vasti e complicati della città, che recentemente ha visto il doloroso «cambio della guardia» con gli azzurri passati dalla maggioranza all’opposizione. Ai politici presenti in sala - il senatore Giorgio Bornacin, l’onorevole Roberto Cassinelli, i consiglieri comunali Stefano Balleari e Lilli Lauro e i municipali Luciano Gandini e Roberta Bergamaschi - sono state esposte moltissime criticità: l’emorragica chiusura di storiche attività commerciali sostituite solo da bar e negozi cinesi, l’esponenziale aumento degli affitti, la mancanza di sicurezza e le difficoltà dei Centri di Ascolto.
Presente anche Felice Ravalli (Associazione cittadini centro est) per contrastare il progetto della moschea al Lagaccio e promotore di una raccolta firme («oltre mille») affinché l’area destinata alla realizzazione di impianti sportivi nel quartiere sia concessa ai cittadini. In progetto la realizzazione di una struttura polivalente con piscina, un poliambulatorio, un punto di raccolta ambulanze, una postazione della Protezione civile e dei giardini. Altro tema spinoso il tanto discusso sesto bacino che il riconfermato presidente del porto Merlo vorrebbe sotto le finestre degli abitanti del centro storico ignorando totalmente le drammaticità ambientali e paesaggistiche di un’opera simile. «È chiaro il loro obiettivo - ha spiegato Bornacin - una volta finiti i soldi faranno il riempimento del porticciolo e costruiranno un bel centro commerciale e tante palazzine». Gli esponenti azzurri hanno parlato anche di politica sia a livello nazionale «rassegnando le dimissioni, Berlusconi ha compiuto un gesto di grande responsabilità» che locale «alle prossime amministrative il centrodestra avrà una grande possibilità: dobbiamo approfittare delle divisioni della sinistra». La prossima tappa sarà l’individuazione di un candidato sindaco vincente che, ha sottolineato Bornacin «dovrà essere in grado di rappresentare tutte le anime dell’alleanza».
Nel Municipio Medio Ponente, si è parlato di sviluppo di quest’area cittadina. «Il futuro di Genova ha bisogno del ponente genovese - ha detto Paola Rossi, consigliera pdl -, evitiamo la politica dello spezzatino e affrontiamo in modo complessivo l’intero sviluppo dell’area compresa tra Sampiedarena e Voltri».