La sinistra già litiga sulle poltrone e affossa il Pgt: «Va ribaltato»

Il ballottaggio è ancora lontano ma la sinistra già litiga sui posti in giunta. A uscire allo scoperto è Basilio Rizzo, storico consigliere appena rieletto nelle file di Rifondazione. Rizzo dà lo stop a un ruolo di peso per Stefano Boeri: «Penso che essendo lui una persona saggia non andrà a fare l’assessore all’Urbanistica. Offriremmo il fianco alle critiche. Se invece inventassimo una delega all’Expo, con l’orto, il tema del cibo...». Insomma Boeri, che pure è il più votato della coalizione (oltre 12mila preferenze) dovrebbe accontentarsi di fare giardinaggio.
Il conflitto tra l’outsider e i partiti da un lato, e tra Pd e sinistra radicale dall’altro, sia pure sotto traccia, è già pesante. Molti i nomi in lizza per un assessorato o un ruolo di vertice nella macchina comunale. Tra i più votati Monguzzi, Rozza e Majorino. Si parla come vicesindaco di Marilena Adamo o Maria Grazia Guida. Tra i nomi che potrebbero far parte della squadra Marco Cipriano, Davide Corritore, Pieraugusto Rocchi, Alessandro Pollio Salimbeni, Cesare Vaciago.