La sinistra si spacca ancora sulla Sanità

Ieri mattina la commissione sanità ha discusso il disegno di legge per la proroga dei termini relativo all'adeguamento edilizio e strutturale dei presidi sanitari e socio-sanitari. La proposta della Giunta regionale fissava la proroga per l'adeguamento dei presidi al 2010. Rosario Monteleone (Udc) ha presentato emendamento chiedendo lo slittamento della stessa al 2012.
La proposta di Monteleone ha ottenuto 17 voti contro 17 e non è stata quindi accolta. Hanno votato a favore lo stesso Monteleone, Bianchi, Bonello e tutto il centrodestra. Persino Michele Boffa (capogruppo Pd) si è astenuto.
Luigi Morgillo (Forza Italia) osserva: «Ancora una volta la maggioranza è naufragata sulle proposte demagogiche di Rifondazione alla quale in questa occasione si è aggiunta la voce, il voto, dell'Italia dei Valori. Chiedo quali alternative forniamo per l'assistenza ad anziani, malati psichici e tossicodipendenti che attualmente sono ospitati nelle 61 strutture socio sanitarie che funzionano in virtù di un autorizzazione provvisoria e che oggettivamente, pur avendo avviato l'adeguamento, non riusciranno a raggiungere gli obiettivi entro la fine del 2009».