La sinistra toglie le «camicette» alla Vincenzi

Rauti, Plinio, Bornacin, Lussana. E Marta Vincenzi. Rifondazione non ci sta, e quasi minaccia la crisi. Che la compagna Marta si mischi con certi nomi, proprio no. E se la camicetta nera per una signora è sempre chic, sempre di moda, la sindaca della città medaglia d’oro della Resistenza mica può andare alla «celebrazione nostalgica delle camicette nere che da Salò ad an sempre nere sono». Ne fa una questione cromatica Marco Nesci, dalla cui mail è partito un comunicato firmato dalla segreteria regionale di Rifondazione, che «apprende con stupore e mal celato senso (...)