Siria, esplode caserma per il caldo: 15 morti, 50 feriti

La deflagrazione, violentissima, è avvenuta stamani nella Scuola di fanteria di Aleppo, dove si trova anche un deposito di munizioni. La tv di stato: "E' stato un incidente". Il responsabile sarebbe il caldo torrido degli ultimi giorni

Aleppo - Una violentissima esplosione è avvenuta nei pressi di un complesso militare alle porte di Aleppo, città costiera della Siria settentrionale, vicino al confine con la Turchia. Lo hanno riferito testimoni oculari. I morti, secondo la tv satellitare Al-Arabiya, sarebbero almeno 15. Secondo fonti ufficiali sarebbe salito a 50, il numero delle persone rimaste ferite durante l'esplosione.

Tv di stato: "E' colpa del caldo" L'esplosione avvenuta questa mattina all’interno del campo di addestramento dell’accademia militare nella zona di Masania, 10 chilometri da Aleppo. Il campo, che si trova in una zona isolata, ospita l’accademia universitaria degli aspiranti ufficiali dell’esercito siriano. Fonti hanno riferito che la causa della deflagrazione potrebbe essere l’esplosione di alcune bombole di gas utilizzate per preparare la colazione. Tutto è avvenuto alle 9 del mattino ora locale. La televisione di stato smentisce, tuttavia, l'ipotesi di un attentato. "E' stato un incidente", hanno dichiarato. La deflagrazione sarebbe avvenuta a causa del grande caldo degli ultimi giorni.