La Sisley applaude Bernardi e lo batte

Francesco Rizzo

L'agenzia viaggi del volley esaurisce il pacchetto-sorprese. Sabato, in gara 1 dei quarti di finale, Piacenza era andata a vincere a Cuneo 3-1, vendicando il ko subito in gennaio nella finale di Coppa Italia. Ieri, negli altri tre incontri di questa serie al meglio delle tre partite, solo le squadre di casa hanno timbrato il cartellino della vittoria, rispettando così i valori espressi dalla stagione regolare. Comincia Macerata, numero uno della prima parte di campionato con 21 vittorie in 26 giornate: 3-0 al Perugia (25-20, 26-24, 25-20), con 22 punti del serbo Miljkovic, non a caso miglior marcatore del campionato e 6 muri del suo connazionale Geric. Umbri in corsa solo nel secondo set, quando arrivano a due palloni dall'1-1 (20-23), costretti a cedere anche alla sfortuna: durante il riscaldamento era saltata la caviglia del centrale ceko Lebl.
L'impresa è però di Modena, che in casa piomba prima sullo 0-2 contro Trento (29-31 e 19-25) e poi trova la forza per risalire fino al 3-2, vincendo a 20, 21 e 9 i tre set finali, pilotata dai 20 punti (5 ace) dell'opposto Sartoretti, un ex al cianuro. Anche qui finisce ko un centrale, lo yankee di Trento Millar (distorsione alla caviglia). Infine Treviso: i campioni in carica aprono la serie contro Verona con un 3-0 comunque equilibrato nei primi due parziali (27-25, 25-23, 25-20). Gli ospiti recuperano dopo un mese Bernardi, idolo del Palaverde per 12 anni, costretto però a inchinarsi a Fei, che andava alle elementari quando Lollo debuttava in serie A: l'opposto di Treviso chiude con 15 punti.
Gara 2, a campi invertiti, si gioca venerdì alle 20.30 a Piacenza (diretta su Sky Sport Extra), sabato a Perugia (ore 18) e Trento (ore 16.15, Sky 2) e domenica a Verona (19, Sky 2).