Il sistema latino guadagna terreno sul notary public

Il notariato italiano appartiene alla famiglia dei notariati di tipo latino presenti in 76 Paesi. Si tratta di un pubblico ufficio che orienta la libertà di contrattare, chiarisce la portata giuridica degli interessi da comporre, interpreta la volontà delle parti e la traduce imparzialmente in un negozio giuridico di pubblica fede.
L'intervento del notaio è essenziale negli atti di trasferimento di immobili (compravendite, donazioni), nei principali atti societari (costituzione, modifiche di rilievo, cessioni di quote, scioglimento), negli atti che riguardano la sistemazione di rapporti ereditari (testamenti, accettazioni e rinunce di eredità, divisioni) o di rapporti patrimoniali familiari (convenzioni matrimoniali).
Il notary public di tipo anglosassone è responsabile solo dell'autenticità delle firme: questo obbliga chi ad esempio vende o compra una casa a ricorrere alla consulenza di un avvocato per ciascuna parte, con costi complessivamente molto più elevati e alto rischio di contenzioso.
Il notariato di tipo latino si va diffondendo nel mondo: anche Cina, Giappone e Indonesia hanno adottato il nostro sistema, oltre alla Russia e alla quasi totalità dei Paesi dell'Est europeo. Un corpo notarile di tipo latino, già presente in Lousiana, è stato introdotto di recente anche in Alabama e Florida negli Usa.