Sito internet: morto il capo di Al Qaida

da Grozny

Un sito internet legato ai mujaheddin ceceni ha annunciato la morte dello sceicco saudita Mohammed Abu Omar al Seif, considerato il principale emissario di Al Qaida in Cecenia e guida spirituale dei combattenti arabi.
Il nome di Mohammed Abu Omar al Seif, che secondo il sito sarebbe morto in un recente combattimento con le forze speciali russe, era già emerso all'indomani della strage di Beslan tra coloro che venivano sospettati da Mosca di aver ideato e finanziato il blitz che portò all'eccidio nella scuola dell'Ossezia del Nord, dove vennero uccisi 330 civili, di cui 156 erano bambini.
Dopo la morte nel 2002 del saudita Omar Ibn al-Khattab i suoi successori, anch'essi sauditi, Abu Walid, ucciso all'inizio del 2004 e poi Mohammed Abu Omar al-Seif, erano stati considerati da Mosca i principali emissari di Al Qaida in Cecenia e stretti collaboratori di Bassaiev. L'infiltrazione di cellule di al Qaida nella guerriglia cecena non aveva solo rappresentato una commistione di politica e religione in Cecenia, ma ha anche modificato le tecniche di lotta; i combattenti arabi hanno infatti importato nel Caucaso le nuove tattiche suicide di cui lo sceicco Mohammed Abu Omar al Seif era tra i principali fautori.