Skype, risolto il mistero dell'improvviso black-out: "Colpa di Windows"

Il servizio di telefonia gratuita via Internet, ha attribuito ad
un un riavvio di massa dei computer dei clienti in seguito ad un aggiornamento del proprio
software, la causa del black out che ha paralizzato il 16 e 17 agosto scorso più di 220 milioni
di utenti nel mondo

Skype, il servizio di telefonia gratuita via Internet, ha attribuito ad un un riavvio di massa dei computer dei clienti in seguito ad un aggiornamento del proprio software, la causa del black out che ha paralizzato il 16 e 17 agosto scorso più di 220 milioni di utenti nel mondo. «Giovedì 16 agosto la rete 'peer to peer' di Skype ha subito una rottura critica dovuta ad un riavvio di massa dei computer degli utenti nel mondo, in un breve lasso di tempo dopo la ricezione di un aggiornamento del software», ha spiegato uno dei responsabili prodotto di Skype, Villu Arak, sul blog della società, che ha sede a Lussemburgo.

«Il numero particolarmente elevato di procedure di riavvio ha comportato una moltitudine di richieste che, insieme alla mancanza di risorse di rete ’peer to peer’, hanno scatenato una reazione a catena che ha avuto un impatto critico su tutta la rete», ha precisato Arak. «Il guasto è stato identificato e riparato», ha detto una fonte della società, precisando che il servizio funziona ormai normalmente.