Slava rapina il phone center con lo spray al peperoncino

La donna estrae un coltello e fugge con pochi spiccioli

Silvia Villani

Nella borsa aveva nascosto uno spray al peperoncino che non ha esitato ad utilizzare contro l'uomo che le stava di fronte. La zingara però non era l'ennesima vittima di aggressioni ma una giovane malvivente che, proprio grazie all'arma generalmente utilizzata per difendersi, è riuscita a rapinare un negoziante.
La donna, una nomade di origine slava, secondo le prime testimonianze rilasciate alle forze dell’ordine, è entrata nel primo pomeriggio in un phone center nel pieno centro di Cinisello Balsamo. Con in mano duecento euro, la zingara si è avvicinata al proprietario del centro telefonico di via XXV Aprile chiedendogli di cambiarle il denaro in banconote di taglio inferiore. L'uomo, di origine italiana, facendole vedere le poche monete depositate in cassa, le ha però risposto che non aveva denaro a sufficienza.
La giovane ha allora estratto un lungo coltello da cucina dalla borsa e ha intimato il cinisellese a consegnarle i soldi. Nonostante le minacce, l'uomo però non ha voluto darle il denaro. Allora la nomade, sempre più arrabbiata, con una mossa fulminea ha preso dalla borsa una bomboletta spray e ha spruzzato il gas irritante sul viso del commerciante.
Mentre il negoziante si strofinava gli occhi cercando di veder cosa stava accadendo intorno a lui, la zingara ha afferrato l'incasso e ha fatto perdere le sue tracce.
Modesto il bottino della rapina. Il phone center aveva appena sollevato la saracinesca e nel registratore di cassa c'erano solo 20 euro.