Slogan antifascisti al corteo in ricordo di Renato Biagetti

«Dieci, cento, mille Acca Larentia». È l’agghiacciante slogan scandito ieri pomeriggio, una volta raggiunta Trastevere, dai ragazzi dei centri sociali che hanno sfilato in corteo da San Paolo a Campo de’ Fiori per ricordare la morte di Renato Biagetti, il 26enne ucciso l’altra domenica a Focene. Fino a quel momento la manifestazione aveva avuto come colonna sonora soprattutto le canzoni di De Andrè e brevi interventi e testimonianze al microfono. Non appena i manifestanti sono sfilati in via della Lungaretta, è cominciata la pioggia di slogan anti-fascisti, tra i quali «Piazzale Loreto ce l’ha insegnato, uccidere un fascista non è un reato», «Roma ricorda le Fosse Ardeatine, basta fascisti e le lame assassine». I manifestanti hanno anche intonato «Bella ciao» e alzato pugni chiusi. «I giovani di Forza Italia dicono ancora una volta no e cento volte no alla violenza da qualunque parte provenga - commenta Giorgio Miele, coordinatore Fi Giovani -. A Roma e in provincia c’è chi da tempo punta a creare un nuovo clima di odio e di scontro fra i giovani. Il dramma di Renato, quello del ragazzo accoltellato e ferito all’Eur l’altro giorno dovrebbero, invece, dare vita a iniziative per costruire qualcosa, non per infondere odio e dividere».