Slot a Linate Enac al lavoro Alitalia: siamo in regola

La situazione degli slot di Linate è allo studio dell’Enac. Il presidente, Vito Riggio, ricevuta ufficialmente la segnalazione dell’Antitrust in merito alla movimentazione oraria in vigore sull’aeroporto, ha chiesto di istituire un gruppo di lavoro «per preparare, in tempi rapidi, un’approfondita relazione tecnica» da inviare all’Antitrust, al Parlamento e al governo. Del gruppo di lavoro faranno parte Assoclearance, Assaeroporti, Assaereo e Sea. Sullo stesso tema, il presidente di Alitalia, Roberto Colaninno, ha detto: «Siamo rispettosi delle leggi e dei regolamenti». Da parte sua, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha commentato: «Ci aspettiamo interventi nella direzione indicata da Regione Lombardia e dall’Antitrust» nella linea cioè di aumentare gli slot nello scalo milanese. Ha aggiunto: «Il monopolio di Alitalia su Linate non ha più ragione d’esistere perché va a scapito dei passeggeri che pagano prezzi esosissimi sulla tratta Milano-Roma, la più trafficata d’Italia: con Alitalia costa attorno a 350 euro, mentre ci sono altre compagnie che la offrono a 99 euro ma non possono avere gli slot a Linate».