Smog, il governo non blocca il Pirellone

Roberto Formigoni non si ferma davanti al ricorso del governo contro i blocchi del traffico. E per il 25 febbraio la Regione conferma il blocco delle auto, spiegando che eliminerà dalla Pianura Padana dieci tonnellate di Pm10. «Domenica 25 rimarrà giornata senza macchine nonostante l’opposizione del governo» assicura il governator, deciso a difendere la legge regionale fino alla sentenza della Consulta o fino a un accordo con Palazzo Chigi, che adesso sembra meno lontano. Ieri a Roma durante un incontro tecnico il Pirellone ha chiesto di confermare il proprio diritto di bloccare il traffico come misura eccezionale e Formigoni è ottimista: «Abbiamo portato a sostegno dati, ricerche e il parere degli esperti. Ieri il governo si è seduto al tavolo con un atteggiamento più consapevole». Il blocco del 25 riguarderà anche Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Val d’Aosta e le Province autonome di Trento e Bolzano. Il governatore insiste: «Non possono essere né i prefetti né i sindaci a decidere i blocchi perché, come spiegano gli esperti, l’inquinamento si può combattere solo agendo su aree vaste».