Smog, la Regione chiede poteri speciali

La Lombardia chiederà poteri speciali sull’ambiente, la cultura e i giudici di pace. Il testo, già licenziato dalla giunta, arriverà in consiglio lunedì. «Potremmo decidere di vietare la vendita dei veicoli più inquinanti senza attendere decisioni nazionali o europee» spiega come esempio Roberto Formigoni. L’allarme inquinamento è alto e il Pirellone chiede piena autonomia al governo proprio per poter legiferare liberamente e in modo più efficace. Il governatore, intanto, frena sul ricorso immediato a misure tampone come blocchi e targhe alterne: «Non ne ho parlato io». E annuncia per la prossima settimana i primi risultati del tavolo Comune-Regione sul ticket. Sul fronte della lotta allo smog si muove anche il Comune. Palazzo Marino ha «arruolato» un superpool di medici ed ha istituito un tavolo permanente di monitoraggio per verificare in concreto i risultati dei provvedimenti anti-polveri. E infine la Provincia che ieri ha annunciato l’estensione del car-sharing in collaborazione con Legambiente: «Porteremo l’auto in affitto in 55 comuni dell’hinterland».