Smog, torna l’incubo targhe alterne

Una settimana di polveri sottili oltre i limiti e su Milano cala nuovamente l’incubo smog. Con la minaccia di provvedimenti straordinari, come le targhe alterne o il blocco del traffico. Misure che spettano alla Regione, ma dal Comune parte già l’invito a valutare con attenzione l’emergenza. «Blocchi e targhe alterne? Bene - le parole di Letizia Moratti -. Ogni inverno siamo costretti ad affrontare il problema. Per questo tutte le misure che possono attenuarlo sono più che opportune». Il tutto, fa capire il sindaco, in attesa di misure strutturali, come il ticket d’ingresso che ha innescato un mare di polemiche. Ma nel frattempo i dati lasciano ben poco spazio all’immaginazione. Ultima settimana tutta sopra la soglia di attenzione, con un picco martedì a quota 142 microgrammi al metro cubo. Impressionante se si tiene conto che il limite tollerato è fissato ad appena 50. Brutte notizie anche mercoledì (ultimo dato ufficiale), con i livelli di Pm10 ancora ben al di sopra del lecito. Le centraline Arpa hanno rilevato 105 microgrammi al metro cubo in via Juvara e 83 al Verziere. In provincia erano 90 ad Arese e 82 a Vimercate. Nel totale dell’anno, così, sono già 108 le giornate con il Pm10 sopra la soglia, con una cifra massima fissata dall’Ue ad appena 35.