Sms, martedì il documento Ue taglia-tariffe

Telefonare o inviare sms da e per l’estero costerà l’anno prossimo molto meno di oggi, per i cittadini europei. La minaccia per gli operatori di telefonia mobile viene come sempre dal commissario per Informazione, Telefonia e Media, Viviane Reding. Secondo un documento che verrà presentato ufficialmente martedì prossimo a Bruxelles, il costo di un sms inviato a casa da chi è in vacanza all’estero non dovrà superare gli 11 centesimi. Attualmente un tedesco che invia un messaggio in Germania dall’isola di Maiorca ne deve sborsare 60, mentre il record di 80 centesimi colpisce le tasche dei cittadini belgi. «I costi non giustificano minimamente questi prezzi elevati», ha detto la Reding. Oltre a questa misura, le autorità di Bruxelles intendono imporre ai gestori mobili la contabilizzazione esatta dei secondi di una chiamata telefonica da o per l’estero. Attualmente chi chiama con il cellulare è costretto a pagare integralmente ogni minuto di conversazione. Secondo la Reding, quest’ultimo provvedimento farà risparmiare in media il 20% del costo delle telefonate. La nuova regolamentazione sulle telefonate e i messaggini da e per l’estero entrerà in vigore dall’estate prossima. Alcuni gestori, comunque, hanno già ridotto i prezzi degli sms da oltreconfine.