Sms per scherzo fa scattare l’allarme antiterrorismo

Ha voluto forse fare le prove per il 1° di aprile combinando uno scherzo alla moglie che ha messo in allarme l'aeroporto torinese di Caselle tanto che sono state avviate le procedure antiterrorismo. A finire denunciato per procurato allarme è un 42enne napoletano, di professione giornalista, che prima di partire in aereo ha mandato un messaggio allarmistico alla moglie. L'uomo stava partendo dal capoluogo campano per venire a Torino per lavoro e prima del decollo ha mandato un sms alla moglie con scritto «se non mi senti entro le 9.30 guarda i telegiornali». La donna ha dato subito l’allarme. Il tutto è accaduto una decina di minuti dall'atterraggio a Caselle dove il messaggio del «burlone» ha creato un certo allarme. Sono subito scattate le procedure previste in caso di pericolo: l'aereo è stato fatto atterrare in una zona isolata dove pronti a intervenire c'erano poliziotti, tiratori scelti, vigili del fuoco e ambulanze. Quando i poliziotti sono saliti a bordo del velivolo l'uomo ha subito capito che erano lì per lui e mostrando il telefonino si è scusato dicendo di aver voluto fare uno scherzo alla moglie. Una vicenda che si è conclusa con una denuncia per l'uomo da parte della polizia.