Snai smentisce i Monopoli: "Paghiamo lo scudetto dell'Inter"

Roma - Snai conferma la sua operazione Inter vincente, sottolineando in risposta ai Monopoli di Stato che l'iniziativa è «nel rispetto delle regole». Il principale sindacato di agenzie per le scommesse replica così all'Aams, secondo il quale doveva esser sospeso il pagamento a quanti tra gli scommettitori avevano puntato sulla conquista dello scudetto da parte dell'Inter. «L'iniziativa di Snai - è la replica - non costituisce un pagamento anticipato della scommessa». Si tratta infatti, spiega Snai, «di una semplice modulazione di rapporto tra scommettitore e concessionario, assunta a rischio esclusivo di quest'ultimo, in assenza di qualunque coinvolgimento di pubblici interessi». Insomma, «piena osservanza delle regole nell'iniziativa di Snai Spa, che ha deciso di versare agli scommettitori le vincite sulle scommesse effettuate sull'Inter campione d'Italia. L'iniziativa prevede che lo scommettitore consegni al Punto Snai il ticket di scommessa, ricevendo immediatamente l'importo pattuito sull'eventuale vincita. Il Punto Snai conserverà il ticket sino a fine campionato, quando sarà certificato da Aams l'esito della scommessa, effettuando solo in quel momento la registrazione del pagamento» «Secondo il regolamento sulle scommesse - prosegue Snai - approvato con D.M. 1.3.2006, n. 111, ai sensi dell'art. 1, comma 2, lettera p), il ticket è »l'unico titolo al portatore valido per la riscossione« delle vincite o dei rimborsi e può quindi circolare liberamente. Il portatore della ricevuta può cedere liberamente, e il concessionario può liberamente acquisire, il ticket di scommessa». «L'iniziativa di Snai - conclude la nota - non costituisce quindi un 'pagamento anticipato della scommessà: si tratta di una semplice modulazione del rapporto tra scommettitore e concessionario, assunta a rischio esclusivo di quest'ultimo, in assenza di qualunque coinvolgimento di pubblici interessi».