Sneijder: «Resto». Ma Ferguson non molla

L’offerta di Alex Ferguson è assolutamente reale, 37 milioni di euro e Wesley Sneijder lascia l’Inter, perché questa non è un’offerta indecente, ma restano tanti soldi ugualmente. Gli inglesi la spiegano così: Sir Alex ha cercato Wesley già due anni fa quando a Madrid arrivò prima Moratti, ha riprovato l’anno scorso e gli è andata ancora buca, ora ha un alleato in più, le sterline che mancavano nelle due precedenti stagioni e ne sta facendo una questione personale.
A Manchester dicono che lo scozzese sia alla sua ultima stagione, ha vinto tantissimo ma non ha digerito affatto la finale Champions di quest’anno a Londra contro il Barcellona in cui è stato largamente dominato. Ai più stretti collaboratori ha chiesto di chiudere la sua leggenda con una grandissima stagione, l’obiettivo è costruire uno United forte almeno quanto il gruppo di Guardiola, vuole una squadra capace di competere in Premier, in Fa Cup e in Champions, e ha stabilito che l’uomo capace di fargli fare il sorpasso sia Wesley. Nell’olandese ha individuato la figura in grado di rimpiazzare Ryan Giggs nel cuore dei tifosi, compito difficile, ma è anche vero che il gallese, a 38 anni, sembra arrivato a fine corsa, resta immenso ma le ultime disavventure coniugali potrebbero aver accelerato il suo declino e Alex Ferguson non vuole correre rischi.
Poi però occorre fare il ragionamento partendo da casa nostra. Alex Ferguson sono dieci anni che viene dato all’ultima stagione, per toglierlo da Old Trafford occorre sparargli in un centro vitale e l’operazione, fra ingaggio e cartellino, si aggira sui cento milioni, anche qui tanti soldi. Wesley ha rifiutato l’offerta di 8 milioni a stagione dagli spagnoli del Malaga, impensabile che ne accetti un’altra per molto meno, e come minimo pretende un quinquennale. Si parla di mercato, operazione economica, soldi, azzerati i sentimenti, sono tutti professionisti di prima fascia. I tifosi sono molto più coinvolti dall’intervista di Sneijder rilasciata a Vanity Fair: «Sono felice di restare all’Inter, sarei molto dispiaciuto se Moratti mi cedesse». E da quelle di Gasperini che conferma: «Lo vedo motivato, a me ha detto che vuole restare». Ma quelle sono frasi di circostanza, scontate e datate. Non ci sono certezze. L’unica su cui si potrebbe puntare a occhi chiusi è che se il presidente dovesse chiedere un suggerimento ai tifosi, la risposta sarebbe: lasciaci Sneijder, il resto è noia.