Snobbato Palmeri, il confronto è col «grillino»

Il candidato del terzo polo continuerà a girare la città con la sua sedia vuota. É cominciato ieri da piazzale Cadorna e Manfredi Palmeri intende portarsela appresso fino alla fine della campagna elettorale. In polemica con Letizia Moratti che non lo considera per i duelli in tv, vuole essere pronto in ogni momento a farla accomodare «per un confronto pubblico». Ma il sindaco non solo non risponde alla provocazione: ieri ha invitato ad un dibattito su una tv locale lo sfidante più giovane, Mattia Calise candidato dal Movimento Cinque stelle. «Avrei piacere di confrontarmi con un ventenne che ha deciso di portare il suo contributo al futuro di Milano - ha spiegato la Moratti -. È un segnale forte ai suoi coetanei che non va sottovalutato da nessuno». Una mossa a sorpresa che aggiunge pepe alla bufera scatenata da Palmeri per non essere stato incluso nel duello dell’11 maggio su Sky tra il sindaco e lo sfidante del centrosinistra Giuliano Pisapia.
La Moratti ricorda che fra le liste che la sostengono ce n'è una fatta tutta di ragazzi (Giovani per Expo), «la loro passione civile è un fattore di speranza, anche se controbilanciato da tanti loro coetanei disinteressati o disillusi nei confronti delle prossime elezioni e più in generale della politica». Per questo «avrei piacere di confrontarmi con il più giovane tra i miei sfidanti, vorrei parlare con lui di giovani, delle loro attese e speranze, del futuro di Milano. É importante che questi nostri cittadini si sentano sempre più coinvolti e vivano con passione la nostra città». Per questo appuntamento, «che mi auguro Mattia voglia accettare, c’è già la disponibilità di una rete locale». Calise ha accettato «molto volentieri l’invito, anche perchè ho tante domande da rivolgerle sui giovani e non solo». Ma ha chiesto che non sia l’unico confronto con i grillini, «davanti a una simile proposta non ci tiriamo certo indietro, ma come nuova realtà politica vogliamo partecipare a tutti i dibattiti televisivi, compreso quello su Sky». E ha posto una sola condizione: «Oltre alla diretta tv ne vorrei una su internet, siamo pronti a mettere a disposizione i nostri mezzi per assicurare gratuitamente lo streaming sul web». Se quella su Sky resterà un faccia a faccia, Calise - ieri sul palco di piazza Duomo con Beppe Grillo - non ha escluso invece di presentarsi all’esterno degli studi per intervistare i due candidati al termine della registrazione.