«So che il pubblico ha capito la mia nuova storia d’amore»

La popolare conduttrice di Raiuno torna domani sera con «Il treno dei desideri»: «Sarà dura la sfida con Paperissima»

Laura Rio

Lei il suo treno dei desideri l’ha preso al volo. L’ha visto sfrecciare e non ci ha pensato su due volte: si chiama Eddy Martens, 30 anni, di origini congolesi. I lettori dei settimanali di gossip lo conoscono bene: ha campeggiato sulle copertine tutta l'estate. È l’amore di Antonella Clerici, la reginetta della cucina e la fata che da domani sera torna su Raiuno a realizzare i sogni degli italiani. L’ha conosciuto a giugno in una vacanza in un Club Med a Marrakech dove lui lavorava come animatore: dopo poco tempo la decisione di vivere insieme a Roma.
Antonella, lungi dal lasciarsi travolgere dalle malignità, è spumeggiante e iperattiva come sempre: il suo Eddy l’ha galvanizzata ancora di più. Affronta il ritorno in video in prima serata con la sfrontatezza di sempre: qualcuno non approva che stia con un uomo bello, mulatto, più giovane di lei di 12 anni e insinua che lui stia approfittando della sua notorietà? Lei risponde serafica: «Chi se ne frega, il pubblico sa che io sono sincera e pulita, non mi devo vergognare di nulla. Sono una donna libera che può amare chi le pare».
Ma partiamo dai programmi. Il treno dei desideri torna con la formula tradizionale. In ogni puntata tante storie da raccontare con ironia e leggerezza: ma il sogno più grande degli italiani (che certamente hanno qualche problema economico in più della Clerici) è la casa, solo al secondo posto viene l’amore. Lo dimostrano le trentamila lettere arrivate in redazione: il 40 per cento chiede aiuto per ristrutturare l’abitazione, il 30 per organizzare il matrimonio, il 10 di trovare lavoro. Richieste particolari? Nuotare con i delfini o lanciarsi con i paracadute.
Dunque, Antonella, il suo desiderio è esaudito...
«Oddio... non è che avevo bisogno di andare in Marocco per trovarmi un uomo. È che in Eddy ho scoperto qualcosa di particolare, mi sono innamorata e visto che sono un personaggio pubblico, non potevo tenermelo solo per me. Ora vorrei potermi vivere questa storia senza essere continuamente seguita dai paparazzi».
Non teme che la sua immagine televisiva rivolta a un pubblico familiare (cuoca al mattino e fatina di sera) ne risenta?
«E perché mai? L’amore non è contraddittorio. La gente apprezza le persone autentiche. Giusta o sbagliata che sia la mia scelta, io condivido le mie emozioni con il pubblico. E sono certa che la maggior parte di loro mi capisce. Del resto non ho una storia con un uomo sposato o qualcosa di simile. La differenza di età? Se è una donna a essere più anziana fa scandalo, se è un uomo no: solo ipocrisie».
Ma, nel suo caso, si nota più la differenza di condizioni sociali rispetto a quella anagrafica. Si maligna che Eddy abbia preso al volo l’opportunità di stare accanto a una persona ricca e famosa...
«Non sono una sprovveduta. Non mi sono bevuta il cervello come molti pensano. Penso che Eddy mi ami. Ma siamo in una fase iniziale: il nostro rapporto è tutto da verificare. Comunque una cosa è certa: se mai mi accorgerò che mi prende in giro, ci metterò due minuti a mandarlo a quel paese. Succede a tante donne di capire male, se così sarà, ne soffrirò molto, ma me ne farò una ragione. E con la stessa sincerità con cui ho parlato di lui, dirò “signori, mi sono sbagliata, succede”».
Per ora comunque il rapporto va a gonfie vele...
«Certo... lui è una persona solida, con un carattere deciso, ha avuto una vita difficile che lo ha indurito. Mi ha conquistata con la sua storia e la sua anima. Non gliene frega della mia notorietà: mi tiene testa senza problemi. Io per lui mi curo più di me stessa, sono dimagrita, ho rimesso i jeans».
Si è arrabbiata perché è stata coinvolta la famiglia di lui...
«L’unica cosa che mi ha messo tristezza: un giornalista (di un settimanale di gossip) non può andare a stuzzicare una mamma e farle dire che è contraria al nostro rapporto».
Torniamo al Treno. Dal 6 ottobre avrà contro Paperissima su Canale 5, una sfida dura...
«Noi avremo alcune sorprese. A partire dai miei abiti, più pazzi che mai. E tanti limiti perché abbiamo un budget limitato. Paperissima è un programma forte: ci batteremo».
Non è un momento facile per la Tv: il pubblico mostra segnali di stanchezza da reality e show...
«Rai e Mediaset quest’estate offrivano solo repliche e la gente che si è abbonata a Sky per i Mondiali ha deciso di restarci. Ormai il telecomando si accende sul satellite, non più su Raiuno. Credo che per salvarsi le tv generaliste debbano diventare più specifiche, fare programmi più mirati. Come la mia Prova del cuoco. Che sia chiaro: non la lascerò mai».